Via flaminia 466

00191 Roma

+39 06 321 7639

Per informazioni e appuntamenti

Lun - Ven : 9:00 - 18:30

Disponibilità per appuntamenti

Via flaminia 466

00191 Roma

+39 06 321 7639

Per informazioni e appuntamenti

Lun - Ven : 9:00 - 18:30

Disponibilità per appuntamenti

Categorie
diritto-ereditario

Testamento olografo

Il testamento può  essere redatto per atto  pubblico,  presso un Notaio alla presenza di  due testimoni,  oppure  scritto  di  pugno  dal  testatore.

Il testamento  olografo,  a differenza di  quello pubblico,  è  redatto  di  propria mano  e deve essere scritto per intero, datato e sottoscritto  dal testatore. La sottoscrizione deve essere posta alla fine delle disposizioni, se non è fatta indicando nome e cognome è valida se designa con certezza la persona del testatore.  La data deve contenere l’indicazione del giorno, mese e anno, la prova della non verità della data è ammessa soltanto quando si tratta di giudicare della capacità del testatore, della priorità di data tra più testamenti, o di altra questione da decidersi in base al tempo del testamento,  come dispone l’articolo  602 del  codice civile.

Colui  che ha redatto  un testamento olografo può conservarlo a propria cura, senza darne comunicazione ad alcuno; per timore che il testamento possa andare smarrito o essere sottratto, è possibile affidare il proprio testamento ad una persona di propria fiducia, o depositarlo presso un Notaio. Qualora il testamento olografo sia depositato presso un Notaio, la sua pubblicazione dovrà necessariamente avvenire a cura del Notaio che lo ha tenuto in custodia. Il deposito di un testamento olografo presso un Notaio può avvenire esclusivamente a cura del testatore stesso: nessuno è infatti titolato a chiedere il deposito di testamenti altrui.

Ai  sensi  dell’articolo 591 del  codice civile, sono incapaci di redigere testamento:

1) coloro che non hanno compiuto la maggiore età;

2) gli interdetti per infermità di mente;

3) coloro che, sebbene non interdetti, si provi essere stati, per qualsiasi causa, anche transitoria, incapaci di intendere e di volere nel momento in cui fecero testamento,  perché per esempio  sottoposti  a violenza o  minaccia.

Ove si  verifichi  taluna di  tali  circostanze il testamento può essere impugnato da chiunque vi abbia interesse.

L’azione si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie.

Puoi usufruire di una assistenza online per ulteriori chiarimenti sul testamento ologtafo.