Via flaminia 466

00191 Roma

+39 06 321 7639

Per appuntamenti

Lun - Ven : 9:00 - 18:30

Disponibilità per appuntamenti

La divisione ereditaria

Avvocato esperto in Donazioni ed eredità

La divisione ereditaria è l’atto mediante il quale ciascun coerede può porre fine alla comunione ereditaria.
Ove in seguito all’apertura della successione vi siano più eredi, sia che si tratti di successione legittima o successione testamentaria è sempre opportuno procedere alla divisione ereditaria.
La divisione ereditaria, infatti, oltre a mettere al riparo dai rischi legati alla comproprietà di beni, è utile anche a fini pratici e gestionali.

In questo articolo fornisco una guida utile agli eredi che devono procedere allo scioglimento della comunione ereditaria. 

Indice

Tipologie di divisione ereditaria

La divisione ereditaria può avvenire con 3 modalità:

  • divisione consensuale: si ha quando gli eredi sono d’accordo su come dividere l’eredità e si perfeziona con la sottoscrizione di un accordo di divisione ereditaria;
  • divisione giudiziale, si ha a seguito di una sentenza del tribunale, quando non è stato possibile raggiungere un accordo di divisione ereditaria amichevole;
  • divisione testamentaria, si ha quando la divisione dei beni è stata effettuata dal testatore, sempre che il testamento non violi la quota dei legittimari.

Divisione ereditaria consensuale

La divisione consensuale in ambito ereditario si perfeziona con l’accordo di divisione ereditaria che sottoscritto dagli eredi e autenticato dagli avvocati, ha forza di legge.

Gli eredi, in tal modo, rilasciandosi ampia e liberatoria quietanza, rinunciano ad eventuali azioni di riduzione e restituzione per la collazione ereditaria.

La divisione ereditaria consensuale è sempre possibile quando ci sono da dividere solo somme di denaro su conti correnti e deposito titoli, anche operando una divisione ereditaria parziale.

Come procedere alla divisione ereditaria consensuale?

Se tutti gli eredi sono d’accordo sulle modalità con  cui dividere l’eredità si procede a formalizzare la loro volontà stipulando un contratto di divisione consensuale tra eredi.

Con l’accordo di divisione consensuale gli eredi si danno atto di avere definito tra di loro la divisione del patrimonio ereditario.

In tal modo si accordano si per assegnarsi ed attribuirsi i beni mobili ed immobili di cui al compromesso e non avere null’altro a pretendere gli uni dagli altri.

La divisione consensuale in ambito ereditario rappresenta la forma più veloce e vantaggiosa per gli eredi.

Può essere facilmente raggiungibile quando non vi è litigiosità e ci si affida ad avvocati con lunga esperienza nel ramo del diritto successorio.

Divisione ereditaria giudiziale

Ove i coeredi litighino sui beni ereditari da ripartirsi, è necessario procedere alla divisione giudiziale.

La divisione ereditaria giudiziale si ha, pertanto, quando gli eredi non sono riusciti a trovare un accordo in via amichevole sui beni ereditari da ripartirsi.

Quando anche la mediazione si è conclusa senza accordo, non resta altra strada che ricorrere al giudice del tribunale del luogo dove si è aperta la successione ereditaria.

Il diritto a domandare la divisione dell’eredità non può essere limitato dal testatore se non per i cinque anni successivi all’apertura della successione.

Come avviene la divisione ereditaria giudiziale?

L’istanza di divisione giudiziale in ambito successorio si promuove con  atto di citazione ex art. 713 del codice civile e 784 del codice di procedura civile che deve essere notificato a tutti gli eredi.

Il tribunale, una volta determinato il valore della massa ereditaria, provvede all’attribuzione delle quote ai singoli eredi con differenti modalità.

Per fare ciò il giudice si avvale di un consulente tecnico d’ufficio esperto estimatore e, se del caso, procede all’assegnazione, o alla vendita all’incanto dei beni ereditari.

Come si può ben comprendere questo tipo di situazioni, non solo richiede molto tempo per giungere ad una soluzione, spesso anche non desiderata per gli eredi, ma comporta anche diversi esborsi da sostenere.

Divisione in natura dei beni

La divisione in natura, in ambito successorio, è facilmente percorribile quando è possibile attribuirsi uno o più beni, con o senza conguagli.

Ciò è possibile quando gli eredi hanno attribuito un valore concorde proporzionale alla quota loro spettante per legge.

Quando è possibile la divisione in natura, perché esistono più unità immobiliari e somme di denaro, è percorribile per il singolo erede anche il consolidamento della proprietà.

Questa può  aver luogo con, o senza, conguagli in denaro, atteso che, ai sensi dell’art. 718 del codice civile, ciascun coerede può richiedere la sua parte in natura dei beni mobili e immobili dell’eredità.

La divisione in natura dei beni è percorribile sempre rispettando le quote ereditarie con e senza testamento spettanti agli eredi, sia che si proceda alla divisione in via consensuale, che nell’ambito di un giudizio civile.

Eredità di beni indivisi

Quando la divisione dei beni ereditari in natura non è percorribile, perché non è possibile formare le quote da attribuire a ciascun erede è, comunque, possibile chiedere l’assegnazione del bene, o la vendita.

Se manca del tutto un accordo tra i coeredi in ordine alla attribuzione dei beni, non resta che la vendita all’incanto.

La vendita all’incanto può avvenire solo con incarico a professionista delegato per le operazioni di vendita immobiliari.

Successiva alla vendita, detratte le spese di procedura, gli eredi potranno soddisfarsi con la distribuzione del ricavato.

Quando gli eredi sono d’accordo a vendere l’immobile, il ricavato della vendita può essere tra di loro ripartito pro quota, sia che si tratti di successione legittima, che di successione testamentaria

Immobile occupato da un erede

Nel caso in cui un immobile caduto in successione ereditaria sia occupato da un erede diverso dal coniuge, si configura un diverso  scenario.

E’ sempre possibile chiedere da un lato l’assegnazione e, dall’altro, una indennità di occupazione da parte degli altri eredi cui venga impedito l’utilizzo del bene.

L’erede non titolato che utilizzi abitualmente il bene indiviso, infatti, è tenuto a corrispondere una indennità di occupazione in base al valore di mercato per la quota non di sua spettanza.

Questo nel caso di disaccordo con gli altri eredi sulla possibilità di rilevare la loro quota per consolidare la proprietà, o mettere in vendita il bene.

L’indennità di occupazione di immobile nell’eredità, però, è dovuta, per giurisprudenza consolidata, solo quando vi è un uso esclusivo da parte di uno degli eredi, che ne impedisca l’uso ed il  godimento agli altri coeredi.

Divisione ereditaria con immobili

La divisione ereditaria con immobili si può attuare o con la vendita e distribuzione del ricavato pro quota tra gli eredi, o con l’ assegnazione degli immobili, con o senza conguagli in denaro.

Se tutti gli eredi sono d’accordo a vendere gli immobili, il ricavato della vendita viene ripartito tra di loro pro quota.

Tuttavia, anche questo genere di situazioni può comportare delle problematiche e, per tale ragione, è sempre raccomandato essere seguiti da un avvocato che tratta eredità.

La regola, quando nell’asse ereditario sono presenti proprietà immobiliari e diritti reali, è procedere per prima cosa alla valutazione immobiliare.

Se i coeredi non sono d’accordo sulle stime immobiliari ci si può affidare congiuntamente ad un tecnico, o provvedere alla comparazione delle stime fatte redigere da ciascun erede, per poi procedere alla relativa attribuzione.

Divisione ereditaria prima della dichiarazione di successione

Quando gli eredi presentano la denuncia di successione diventano proprietari per l’intero di una quota indivisa dell’eredità.

Con la divisione ereditaria consensuale, è possibile risparmiare sulle imposte quando l’accordo è raggiunto prima di presentare la dichiarazione di successione.

Infatti, quando i chiamati all’eredità sono d’accordo su come ripartirsi l’eredità, il Notaio, prima di presentare la denuncia di successione, prende atto della loro  volontà di procedere alla divisione dei beni secondo le indicazioni ricevute, agendo di conseguenza.

Nella divisione testamentaria gli eredi non vanno incontro al problema della divisione perché è stata già operata dal testatore.

Casi di impedimento alla divisione ereditaria

Nel caso in cui vi sia un concepito la divisione non potrà avvenire fino al momento della nascita.

Quando è pendente un giudizio sulla legittimità, o sulla filiazione naturale, il giudice, in caso di esito favorevole del giudizio per il chiamato all’eredità, può sospendere la divisione per un termine massimo di cinque anni.

Nel caso di minorenni il testatore può disporre che non si faccia luogo alla divisione prima che sia trascorso un anno dalla maggiore età dell’ultimo nato.

Il legittimario pretermesso non fa parte della comunione ereditaria, fino a quando non ha esperito vittoriosamente l’azione di riduzione; infatti, solamente a seguito della sentenza egli acquista la qualità di erede.

Divisione ereditaria e mediazione

La mediazione civile, oltre ad essere una condizione di procedibilità nella materia ereditaria, rappresenta un utile strumento per prevenire il contenzioso giuridico.

La mediazione richiede l’assistenza obbligatoria di un avvocato per le parti è può avvenire anche in modalità telematica.

La mediazione in materia ereditaria può concludersi con un verbale di mancato accordo tra gli eredi, oppure quando ha esito favorevole con un verbale di accordo che determina le modalità di divisione dei beni tra gli eredi ha valore di legge.

Accertamento della massa ereditaria

Sposatolaw, grazie ad accessi privilegiati a banche dati e conti correnti del defunto, è in grado di garantire con celerità lo svolgimento di tutte le indagini necessarie.

L’attività avviene attraverso analisi patrimoniali approfondite sulla persona del de cuius volte ad accertare la consistenza del suo patrimonio mobiliare ed immobiliare.

L’attività che svolgiamo, come studio legale specializzato in diritto ereditario, fin dal 1949, non si incentra soltanto sulla ricostruzione della massa ereditaria da dividere.

Non tralasciamo alcun aspetto e verifichiamo sempre che non esista alcun testamento onde procedere con tranquillità allo scioglimento della comunione ereditaria.

La ricostruzione del patrimonio ereditario ricomprende non soltanto l’individuazione delle proprietà immobiliari e del loro valore, il rintraccio dei conti correnti, fondi, deposito titoli ed altri beni della persona deceduta.

Oltre alle poste attive occorre verificare sempre che non sussistano debiti ed obbligazioni, o imposte e tributi, che riducano il valore dell’asse ereditario.

Quali sono le quote nella divisione ereditaria?

Per ricostruire le quote nella divisione ereditaria occorre tenere conto anche degli atti dispositivi compiuti in vita dalla persona deceduta che, per effetto della collazione devono essere imputati alla massa ereditaria.

Sposatolaw garantisce agli eredi il corretto adempimento delle pratiche successorie, al fine di non incorrere in errori e sanzioni per la presentazione della denuncia di successione, con notaio convenzionato a tariffa agevolata in sede.

Le quote ereditarie devono sempre tenere conto delle disposizioni di cui all’articolo 536 del codice civile e delle persone a favore delle quali la legge riserva una quota di eredità: coniuge, figli e ascendenti.

Quote da rispettare nella divisione ereditaria

Solo il coniuge
1/1
Coniuge più un figlio
1/2 al coniuge e 1/2 al figlio
Coniuge e più due o più figli1/3 al coniuge e 2/3 ai figli
Coniuge e ascendenti o fratelli/sorelle2/3 al coniuge e 1/3 ad ascendenti o fratelli/sorelle
Solo un figlio1/1 al figlio
Più figli1/1 ripartito in parti uguali
Solo ascendenti1/2 linea paterna – 1/2 linea materna
Solo fratelli e sorelle1/1 ripartito in parti uguali

 

Quanto costa la divisione ereditaria? 

I costi della divisione ereditaria variano in base al valore dell’eredità e possono essere contenuti quando gli eredi sono d’accordo sulle modalità di ripartizione tra di loro dei beni ereditari. 

I costi della divisione ereditaria aumentano con la litigiosità dei chiamati a succedere, se è necessario effettuare perizie di stima, attivare la mediazione obbligatoria ed iscrivere a ruolo la causa per la divisione giudiziale.

Gli onorari dell’avvocato per la divisione ereditaria sono dovuti in base al DM 55/14 per l’attività stragiudiziale, per la mediazione e per le varie fasi di  giudizio e vengono sempre prima illustrati al cliente.

Avvocato per la divisione ereditaria  

Quando si deve procedere ad una divisione ereditaria diventa di  fondamentale importanza, per la propria tranquillità, affidarsi ad un avvocato specializzato in diritto ereditario

Sposatolaw dal 1949, è specializzato in diritto successorio e opera  tutelando importanti asset ereditari sia nella fase stragiudiziale, che per la gestione del contenzioso ereditario per questioni inerenti la divisione ereditaria.

L’Avvocato Gianluca Sposato, Presidente della XIX Sottocommissione dell’esame di Stato per Avvocato 2023 a Roma, è esperto in diritto ereditario.

Assiste eredi che devono procedere alla divisione ereditaria, privilegiando sempre accordi e transazioni ereditarie, con elevata percentuale di successo nella fase stragiudiziale e risparmio di tempi e costi dell’eredità.