Via flaminia 466

00191 Roma

+39 06 321 7639

Per appuntamenti

Lun - Ven : 9:00 - 18:30

Disponibilità per appuntamenti

Via flaminia 466

00191 Roma

+39 06 321 7639

Per informazioni e appuntamenti

Lun - Ven : 9:00 - 18:30

Disponibilità per appuntamenti

Diritto Societario

Il diritto societario regola questioni relative alla vita societaria e ai rapporti tra soci.

L’articolo 2247 del codice civile disciplina il contratto di società, attraverso il quale due, o più persone conferiscono beni, o servizi, per l’esercizio in comune di un’attività economica allo scopo di dividerne gli utili.

Dall’accordo dei soci nasce una organizzazione volta al raggiungimento dello scopo  comune che ha una propria autonomia patrimoniale e rilevanza giuridica verso terzi.

Avvocato esperto in donazioni ed eredità

Lo Studio Legale Sposato, fondato nel 1949,  ha un reparto dedicato al diritto commerciale e societario costituito da avvocati, dottori commercialisti e analisti  finanziari che operano in Italia e all’estero.

Lo Studio svolge attività nell’ambito legale relativo all’Impresa, per costituzione e amministrazione di società, redazione di contratti e statuti societari, nonché strumenti per la gestione della crisi ed insolvenza dell’impresa.

Con attività nell’ambito del diritto fallimentare, recupero crediti in procedure esecutive mobiliari ed immobiliari, contenzioso e arbitrato  societario, diritto dello spettacolo.

 

L’Avvocato Gianluca Sposato è revisore dei Conti dell’ISLE – Istituto per la Documentazione e gli Studi Legislativi, che opera sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e arbitro in procedimenti societari.

Le principali aree di operatività dello Studio sono:

  • regolamentazione dei rapporti tra soci e terzi
  • redazione contrattuale 
  • costituzione e amministrazione di Società  
  • gestione e realizzazione di un obiettivo societario
  • ambito di tutela delle persone giuridiche
  • rappresentanza giuridica
  • prevenzione e gestione del contenzioso e arbitrato societario
  •  responsabilità aziendale
  • rapporti patrimoniali fra soci
  • operazioni societarie ordinarie e straordinarie 
  • sovra indebitamento del consumatore

Avvocato per diritto societario

Management artistico

Management artistico Diritti degli artisti L’Avvocato Gianluca Sposato rappresentante di interessi  alla Camera dei Deputati è  Socio della S.I.A.E. Ha una passione innata per il modo dell’arte e presta management artistico in ambito civile e commerciale, comprendendo le ragioni dell’artista e tutelandone gli interessi. Sin dai tempi del liceo classico si è distinto come migliore alunno dell’Istituto San Giuseppe De Merode di Roma, unico ad avere 10 in storia dell’arte. Questa sua sensibilità ed empatia con gli artisti, coniugata agli studi in materie giuridiche ed economiche ed un gran senso di praticità, si abbinano alla perfezione per offrire ampia tutela ai diritti degli artisti. L’ambito di operatività nel campo artistico non  riguarda solo il diritto d’immagine, ma si estende fino al diritto industriale e le nuove tecnologie  che sono soggetti alla normativa sui marchi e brevetti. Nel mondo artistico spesso si è poco inclini a seguire i propri affari poiché

Leggi altro

Diritto industriale e nuove tecnologie

Diritto industriale e nuove tecnologie Contraffazione marchi e brevetti Il diritto industriale e le nuove tecnologie sono soggetti alla normativa sui marchi e brevetti e rientrano nel diritto d’autore e dello spettacolo. La contraffazione di marchi e brevetti consiste nella violazione del diritto di proprietà intellettuale perpetrata attraverso la riproduzione illecita di un bene e la relativa commercializzazione al posto dell’originale. Ciò lede il diritto di proprietà intellettuale e/o industriale, come marchi d’impresa, brevetti, modelli di utilità, industrial design, denominazioni di origine e diritti d’autore. Le condotte illecite avvengono attraverso la produzione non autorizzata e commercializzazione di merci contraffatte, che recano un marchio identico ad un marchio registrato. Con la produzione di beni che costituiscono riproduzione illecita di prodotti coperti da copyright, viene perpetrata quella che si configura come pirateria, di modelli e disegni. La violazione di marchi e brevetti  trova larga diffusione anche nel campo del diritto industriale e

Leggi altro

Diritto d’immagine

Diritto d’immagine La violazione del diritto d’immagine si configura quando la propria immagine è utilizzata senza il proprio consenso, violando accordi, o in maniera inappropriata. In questi casi occorre individuare l’autore responsabile della violazione. Una volta individuato il responsabile del danno all’immagine è possibile  fare rimuovere il contenuto e richiedere il risarcimento dei danni. Abuso e utilizzo non autorizzato del diritto d’immagine L’abuso del diritto d’immagine è regolamentato dall’ articolo 10 del codice civile che disciplina l’utilizzo improprio  e non autorizzato. La norma prevede che, qualora l’immagine di una persona, o dei suoi genitori, sia esposta, o pubblicata, fuori dei casi in cui l’esposizione o la pubblicazione è consentita dalla legge, ovvero con pregiudizio al decoro o alla reputazione, l’autorità giudiziaria, può richiedere che cessi l’abuso. La domanda si propone in via d’urgenza in tribunale per richiedere l’oscuramento del sito internet e delle immagini pubblicate, salvo il risarcimento dei danni

Leggi altro

Copyright e Plagio

Copyright e Plagio Normativa sul diritto d’autore Il diritto d’autore non tutela un’idea in sé, ma nasce con la creazione dell’opera, del cui diritto l’autore dispone purché sia inedita. L’autore dell’opera detiene il diritto esclusivo di utilizzare l’opera, o copyright, e può autorizzarne o rifiutarne la riproduzione, la distribuzione, l’esecuzione, o la rappresentazione. In mancanza del consenso esplicito da parte dell’autore che ne autorizzi l’utilizzo non è consentito appropriarsi di un’opera e diffonderla, diversamente si configura violazione del copyright e plagio. La normativa sul diritto d’autore è disciplinata dalla Legge n. 633/1941 sul diritto d’autore aggiornata con le modifiche apportate dalla Legge n. 37/2019 . Plagio, salvaguardia del copyright Il plagio di opera è l’appropriazione, tramite copia totale, o parziale, della paternità di un’opera dell’ingegno altrui. In campo artistico, specialmente musicale, è piuttosto frequente, per questo è importante rivolgersi sempre ad un Avvocato esperto in  diritto d’autore e dello spettacolo.

Leggi altro

Recupero crediti

Recupero crediti L’attività di recupero di crediti per ottenere il pagamento da parte del debitore può avvenire in via stragiudiziale, con una lettera, o piano di rientro concordato, o in via giudiziale ottenendo dal tribunale un provvedimento esecutivo. Verifica della situazione debitoria Lo Studio Legale Sposato grazie all’accesso immediato a banche dati è in grado di conoscere e valutare anticipatamente la situazione economica del debitore, finanziaria e patrimoniale, attraverso verifica della situazione debitoria. Tale attività di indagine patrimoniale è fondamentale al fine di intraprendere l’azione legale solo quando vi siano elevate probabilità di successo, razionalizzando tempi e costi da anticipare per il creditore, ottimizzando il recupero crediti. Fornisce, inoltre, grazie a rapporti con i principali Istituti di credito nazionali ed esteri la cessione pro-soluto di crediti aziendali di certa inesigibilità. Lo strumento è utile per eliminare dal bilancio le partite in sofferenza che non si riescono a riscuotere che concorrono

Leggi altro

Dichiarazione di fallimento

Dichiarazione di fallimento Stato di insolvenza dell’imprenditore​ La dichiarazione di fallimento per l’imprenditore comporta che deve trovarsi in uno stato d’insolvenza tale da non poter più soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni. Essere consapevoli del proprio dissesto economico imprenditoriale ed avvalersi fin da subito dell’ausilio di un avvocato esperto in diritto fallimentare rappresenta la scelta più logica. In tal modo, se adeguatamente assistiti e supportatati, si riesce cooperando ai fini  dell’adempimento delle proprie obbligazioni, a contenere i rischi legati al fallimento. Dichiarazione di fallimento attività da compiere In caso di dichiarazione di fallimento la prima attività cui bisogna ottemperare, ai sensi dell’ art. 14 della Legge fallimentare, è il deposito presso la cancelleria del tribunale delle scritture fiscali e contabili. Da ciò emerge lo stato particolareggiato ed estimativo delle attività, l’ elenco dei creditori con i rispettivi crediti, l’indicazione dei ricavi lordi degli ultimi tre esercizi e di coloro che vantino

Leggi altro

Gestione della crisi d’impresa

Gestione della crisi d’impresa Soluzioni per evitare il fallimento La gestione dell’insolvenza societaria è volta ad evitare attraverso la domanda di  concordato preventivo il fallimento dell’imprenditore, o ad assisterlo nella relativa procedura di gestione della crisi d’impresa. Il tribunale fallimentare è investito dell’intera procedura e provvede alla nomina, revoca, o sostituzione degli organi del fallimento. Questi sono rappresentati dal giudice delegato, dal curatore fallimentare e dal comitato dei creditori. Come avviene la gestione della crisi d’impresa? La gestione dell’insolvenza dell’impresa non può prescindere dalle difficoltà economiche in cui versa l’imprenditore e dalla possibilità di evitare il fallimento, come previsto dal Codice della crisi e dell’insolvenza. Con lo strumento della procedura di allerta, prevista per la risoluzione della crisi in via stragiudiziale ai fini dei evitare l’insolvenza dell’imprenditore, o con la liquidazione giudiziale in caso di fallimento della procedura di allerta. Ottimizzazione costi della fasi liquidatorie Lo Studio Legale Sposato, fondato

Leggi altro

Fallimento del debitore esecutato

Fallimento del debitore esecutato Il fallimento del debitore esecutato comporta di regola quale conseguenza principale l’improcedibilità dell’esecuzione immobiliare. Tale principio prevede, tuttavia, alcune eccezioni. Cosa succede quando interviene il fallimento nella procedura esecutiva? Pur in presenza di un debitore fallito, la procedura esecutiva può andare avanti qualora tra i creditori ve ne sia uno il cui titolo esecutivo sia costituito da un contratto di mutuo fondiario. Oppure qualora l’organo fallimentare rappresentato dal Curatore, dietro autorizzazione del Giudice Delegato, si costituisca nella procedura esecutiva immobiliare con lo scopo di porre l’immobile sottoposto a pignoramento in vendita in tale sede, in luogo di quella fallimentare. In presenza di tali circostanze, il corso dell’esecuzione può essere proseguito ed il bene pignorato può essere regolarmente venduto. Sempre secondo le ordinarie modalità di vendita senza incanto o con incanto, con conseguente successivo pagamento del saldo prezzo ed emissione del decreto di trasferimento in favore dell’aggiudicatario.

Leggi altro

Amministrazione del fallimento

Amministrazione del fallimento L’amministrazione del fallimento viene svolta dal curatore fallimentare. Il curatore del fallimento è un avvocato o commercialista e ha il compito di provvedere allo svolgimento di tutte le operazioni della procedura fallimentare. La sua attività è svolta sotto la vigilanza del giudice del fallimento e del comitato dei creditori. Diritti dell’imprenditore fallito L’imprenditore che sia fallito per tutelare i suoi diritti deve necessariamente essere seguito da un avvocato esperto in diritto fallimentare. Ciò al fine di verificare il corretto adempimento dell’attività del curatore il quale è tenuto, ai sensi dell’art. 38 della legge fallimentare, ad espletare il proprio incarico con diligenza. Il curatore nell’amministrazione del fallimento, infatti, deve annotare, giorno per giorno, in un registro vidimato le operazioni relative alla sua attività. Occorre tenere conto, per di più, che l’azione di responsabilità del curatore revocato non può essere proposta dal fallito, ma deve essere proposta dal nuovo

Leggi altro

Concordato preventivo

Concordato preventivo Il concordato preventivo è uno strumento di risoluzione e gestione della crisi di impresa. L’imprenditore che si trovi in stato di insolvenza può accedere all’istituto, ricorrendo determinate condizioni previste dalla legge fallimentare. Finalità del concordato preventivo Al fine di favorire il risanamento dell’azienda e la prosecuzione dell’attività di impresa, la legge fallimentare mette a disposizione dell’imprenditore in crisi, o in stato di insolvenza, lo strumento del concordato. Questo per evitare la dichiarazione di fallimento. Lo strumento consente di proporre un accordo con i creditori destinato ad una soddisfazione delle ragioni creditorie. Sulla base di un piano che può prevedere la ristrutturazione dei debiti e la soddisfazione dei crediti attraverso qualsiasi forma consentita, tra cui anche l’attribuzione delle attività ad un assuntore. Come si propone la domanda di concordato preventivo? La domanda di concordato si propone con ricorso sottoscritto dal debitore dinnanzi al Tribunale del luogo in cui l’impresa

Leggi altro