Via flaminia 466

00191 Roma

+39 06 321 7639

Per informazioni e appuntamenti

Lun - Ven : 9:00 - 18:30

Disponibilità per appuntamenti

Via flaminia 466

00191 Roma

+39 06 321 7639

Per informazioni e appuntamenti

Lun - Ven : 9:00 - 18:30

Disponibilità per appuntamenti

Categorie
Rassegna Stampa

Giustizia, Sposato: Urgono riforme serie e profonde dopo gli scandali delle aste giudiziarie e fallimentari

Nella scorsa puntata abbiamo analizzato la situazione dei tribunali italiani, in particolare nei settori  delle aste giudiziarie e fallimentari, dove si  concentra il maggior movimento di denaro e ruotano interessi finanziari e abbiamo appreso dalle rivelazioni del celebre Avvocato romano Gianluca Sposato, che è stato fondatore e Presidente dei Custodi  Giudiziari  e Delegati  alle Vendite Immobiliari e, per oltre 5 anni,  ha collaborato  con la Rubrica “Legalmente” del Messaggero, con oltre 100 pubblicazioni sui principali argomenti in materia di procedure esecutive immobiliari,  concorsuali  e fallimentari, le ragioni delle sue dimissioni e la sua esclusione dalla sezione del  tribunale,  dove lavorava come custode e delegato alle vendite immobiliari per avere denunciato un sistema di corruzione e collusione tra magistrati ed ausiliari conosciuto da molti e mai raccontato per paura di  ritorsioni.

“Sentire parlare un giudice dell’esecuzione di ‘appetibilità’ dell’immobile sul mercato piuttosto che di garanzia dei diritti delle parti processuali, pur con le dovute differenze sostanziali tra creditore procedente e debitore esecutato esistenti nel processo di esecuzione immobiliare, è stato il principio di un fenomeno che ha sconvolto le regole del diritto stridendo con quella funzione di terzietà ed imparzialità che ogni giudice dovrebbe garantire al cittadino. Che esista un sistema di potere che prende le decisioni economiche, a cominciare dalla scelta degli interlocutori, come il concessionario della pubblicità, la banca, o gli ausiliari a cui affidare gli incarichi maggiormente remunerativi, che ruotano intorno al mondo delle aste e dei fallimenti è sotto gli occhi di tutti. I benefici sono per pochissimi raccomandati sui cui rapporti stretti con i giudici occorrerebbe indagare. Chi denuncia viene automaticamente escluso, trovandosi dopo avere investito nella professione e specializzazione, senza possibilità di lavorare in questo settore”.

A seguito dell’esposto dell’avvocato Gianluca Sposato abbiamo presentato un interpello  al neo Ministro della Giustizia Carlo Nordio affinché si apra un fascicolo  di inchiesta volto  a fare luce su un  sistema spesso nell’occhio  del ciclone per fenomeni  di  corruzione legati  al  giro di  soldi che circola nel settore, che scredita la magistratura e lede diritti  costituzionalmente garantiti.

“E’ inspiegabile come certi giudici avanzino velocemente di carriera fino ad arrivare in Cassazione, o diventano Presidenti di Tribunale senza particolari meriti (a volte come nell’interland della capitale anche a seguito di scandali di molestie sessuali archiviati) e altri che, pur lavorando onestamente, non facciano scatti in avanti.” – racconta ancora l’Avvocato Gianluca Sposato da sempre impegnato in battaglie a favore della giustizia e della collettività. “Possibile che all’interno della magistratura vi sia un sistema di raccomandazioni dettato dalla posizione e appartenenza a diverse fazioni, che decide assegnazioni con criteri diversi dai meriti? La magistratura deve rimanere indipendente e garantire imparzialità di giudizio, oltre che disinteresse alle questioni trattate”.

E’ sul principio di affermazione della legalità, che non può prescindere da alcuna riforma della giustizia, con la separazione delle carriere per i magistrati, che vogliamo porre risalto perché se esistono mele marce nel modo della giustizia vengano allontanate subito dai loro incarichi.

Non solo  corruzione,  ma anche norme poco agili,  se non  che stridono  con principi  costituzionalmente garantiti,  che tutelano  interessi  di  potere e finanza a scapito  dei  cittadini,  che comunque non  sempre restano  a guardare.

Come nel caso delle aste gestite dall’Istituto Vendite Giudiziarie del Tribunale di Milano che nel  2022 ha visto diciannove persone condannate da uno a undici anni e due mesi di carcere all’esito di un processo per una serie di aste giudiziarie truccate, che già nel settembre 2020 aveva portato a sei patteggiamenti e a tre condanne in rito abbreviato per corruzione, turbativa d’asta e falso ideologico.

Insomma il mondo  della Giustizia, da cui  deve ripartire il nostro Paese per ridare vita all’economia e credibilità  agli investitori  esteri  e nazionali,  che cercano  garanzia nei  diritti  e non incertezza ed instabilità, avrà  un bel da fare anche con il  nuovo Governo,  soprattutto  se non ricorrerà  all’ausilio  di  tecnici  specializzati  a livello istituzionale e legislativo,  come ha sottolineato l’Avvocato Gianluca Sposato  cresciuto  nell’ambiente dell’ISLE  – Istituto per la Documentazione e gli Studi Legislativi che opera sotto l’alto Patronato  del Presidente della Repubblica.

Fonte dell’intervista: Agenzia Parlamentare, 27 ottobre 2022; https://agenparl.eu/2022/08/27/lo-scandalo-mai-raccontato-delle-aste-giudiziarie-e-fallimentari-prima-puntata/