Via flaminia 466

00191 Roma

+39 06 321 7639

Per appuntamenti

Lun - Ven : 9:00 - 18:30

Disponibilità per appuntamenti

Categorie
Avvocato esperto in diritto immobiliare

Condivisione di quote immobiliari

Condivisione di quote immobiliari

Espropriazione contro il terzo proprietario

La condivisione di quote immobiliari è sempre molto rischiosa, perchè un immobile può essere oggetto di pignoramento anche se appartiene apiù persone non  tutte obbligate verso il creditore.

L’espropriazione contro il terzo proprietario è disciplinata dall’ art. 602 del codice di procedura civile.

Consiste in quella particolare forma di espropriazione avente ad oggetto un bene di proprietà di un terzo gravato da pegno, o da ipoteca per debito altrui, ovvero un bene la cui alienazione sia stata revocata per frode.

Aste, sottoposti a pignoramento anche i beni indivisi

Comproprietà e responsabilità esecutiva

La responsabilità esecutiva in esame impone che il terzo debba subire l’espropriazione in luogo del debitore tutte le volte in cui si trovi in un particolare rapporto con il bene.

Ad esempio nel caso del terzo acquirente, allorché il terzo abbia acquistato il bene già gravato da pegno o da ipoteca.

Oppure nel caso del terzo datore d’ipoteca, quando il terzo abbia concesso che venisse costituito sul proprio bene un diritto reale di  garanzia per debito altrui.

Ancora nel caso in cui il terzo sia divenuto proprietario di beni alienati dal debitore con atto dichiarato inefficace perché con  alienazioni in frode ai creditori.

Rischi legati alla contitolarità di beni

I rischi legati alla contitolarità di beni sono relativi anche alla gestione, manutenzione ed utilizzo del bene stesso e si presentano frequentemente in caso di mancato scioglimento  della comunione ereditaria.

Basti pensare al caso dell’erede che utilizzi esclusivamente il bene, o che sia contrario alla sua vendita, costringendo così i coeredi ad intraprendere l’azione di  divisione ereditaria in tribunale.

La condivisione di quote immobiliari, per tali ragioni, è sempre sconsigliata da avvocati che si occupano di  diritto immobiliare in considerazione dei molteplici  rischi ad essa legati.