Via flaminia 466

00191 Roma

+39 06 321 7639

Per informazioni e appuntamenti

Lun - Ven : 9:00 - 18:30

Disponibilità per appuntamenti

Via flaminia 466

00191 Roma

+39 06 321 7639

Per informazioni e appuntamenti

Lun - Ven : 9:00 - 18:30

Disponibilità per appuntamenti

Categorie
acquisizione-e-cessioni-immobiliari

Procedura di sovraindebitamento

Ristrutturazione dei  debiti

Il consumatore può sottoporre ai  creditori un piano  di  ristrutturazione dei debiti con le indicazioni di tempi  e modi per il  superamento della crisi, la domanda deve essere presentata da un Organismo di Composizione della Crisi e si svolge dinnanzi al Tribunale in composizione monocratica.

Lo stato di crisi o insolvenza del consumatore, del professionista, dell’imprenditore minore, agricolo, delle start-up innovative e di ogni altro debitore non assoggettabile alla liquidazione giudiziale, coatta amministrativa, o ad altre procedure liquidatorie previste per i casi di crisi o insolvenza,  sono regolamentate dall’art. 2 lettera c del D. Lgs. 14/2019, la cui ratio consiste nel favorire il debitore, per consentirgli nuove opportunità nel mondo del lavoro, liberandolo da pesi che rischiano di divenire insostenibili, precludendogli ogni prospettiva futura.

Esdebitamento insolventi  civili

Il nuovo Codice della Crisi d’Impresa estende l’applicazione dell’esdebitazione degli insolventi civili, anche ai membri della famiglia ed ai soci illimitatamente responsabili, con la finalità di  favorire quei  soggetti che non ricoprono la qualifica di imprenditore e, pertanto, non sono soggetti a fallimento.

Il piano di ristrutturazione agevola il consumatore, perché non è richiesta l’approvazione dei creditori ai fini dell’omologazione, inoltre, i crediti che non possono essere soddisfatti, se il piano viene approvato, diventano inesigibili.

Per avvalersi delle possibilità previste dall’istituto la legge richiede che il debitore sia meritevole, ossia che non abbia determinato il sovraindebitamento per colpa grave, o dolo.

Per risolvere questioni specifiche sul sovraindebitamento è previsto un servizio di assistenza online.

Categorie
acquisizione-e-cessioni-immobiliari

Principio di indifferenza nel pignoramento per mutuo fondiario

Ai contratti di mutuo fondiario stipulati prima dell’entrata in vigore del Testo Unico sulla legge bancaria n. 385/93 deve applicarsi il disposto dell’art. 20 del T.U. sul credito fondiario n. 646 del 1905, secondo il quale i successori devono notificare all’istituto di credito di essere subentrati nel rapporto ed, in mancanza di tale notificazione, è consentita la notifica di tutti gli atti al debitore iscritto nel domicilio eletto. Tale disciplina è caratterizzata dal principio della cosiddetta indifferenza ai fini esecutivi del trasferimento dell’immobile gravato da ipoteca per mutuo fondiario.

Principio generale in tema di esecuzioni immobiliari è quello per cui il pignoramento va eseguito nei confronti di colui che è proprietario al momento in cui l’esecuzione viene intrapresa. Tale principio soffre, tuttavia, di una eccezione, derivante dalla originaria normativa in materia di credito fondiario. Secondo tale normativa, qualora l’immobile da pignorare sia stato oggetto di ipoteca iscritta a garanzia di un mutuo fondiario, l’esecuzione può essere intrapresa nei confronti dell’originario debitore mutuatario anche se costui abbia venduto l’immobile prima del pignoramento. In tale fattispecie opera l’art. 20 del R.D. n. 646/1905  il quale ha stabilito il cosiddetto “principio di indifferenza” ai fini esecutivi dell’avvenuto trasferimento dell’immobile gravato da ipoteca per mutuo fondiario.

Detta norma prevede un onere di notifica all’Istituto di credito da parte dell’acquirente dell’immobile ipotecato, laddove, qualora tale notifica non sia eseguita, è legittima l’esecuzione intrapresa nei confronti dell’originario soggetto a carico del quale è stata iscritta l’ipoteca ed addirittura nei confronti di un soggetto defunto.

Il suindicato art. 20 del Testo Unico stabilisce che quando non vi sia stata comunicazione dell’acquisto, l’Istituto mutuante può agire contro il successore nello stesso modo come avrebbe proceduto contro l’originario debitore inscritto e che in mancanza della notificazione, gli atti giudiziari di esecuzione possono essere diretti contro il debitore iscritto, nonostante l’alienazione.

Tale principio ha una duplice valenza: nel caso in cui il trasferimento venga comunicato all’Istituto di credito, l’esecuzione può essere compiuta congiuntamente contro il debitore sostanziale e contro il successore; nel caso, invece, di mancata comunicazione dell’acquisto all’Istituto mutuante,  l’esecuzione può essere compiuta direttamente e solo contro l’originario soggetto a carico del quale è stata iscritta l’ipoteca. In tal caso il successore può intervenire nella procedura intrapresa dal creditore fondiario.

Tale principio opera unicamente sul piano processuale ed è funzionale al compimento dell’esecuzione, in quanto, sul piano sostanziale, il successore mantiene la posizione di soggetto estraneo al rapporto di debito dal quale nasce l’esecuzione. Va ancora evidenziato che l’art. 161 I° comma del D.Lgs. 1/9/93 n. 385 (Testo Unico sulla Legge Bancaria), nell’abrogare l’intero RD n. 646/1905, ha stabilito espressamente che, tuttavia, i contratti di mutuo fondiario già conclusi e le procedure esecutive immobiliari già intraprese alla data di entrata in vigore (1/1/94) del Decreto Legislativo medesimo restano regolati dalle norme in vigore. Ciò comporta che continua ad applicarsi, rispetto a tali contratti ed a tali procedure, il suddetto “principio di indifferenza”  e con esso la sopradescritta normativa di cui all’art. 20 del RD 646/1905. (Riproduzione vietata tutti i  diritti  riservati  Sposatolaw – pubblicato  su  Messaggero)

Per ulteriori informazioni sul principio attivare una consulenza online.

Categorie
acquisizione-e-cessioni-immobiliari

Diritto delle assicurazioni

Migliore avvocato nel 2022 Diritto delle assicurazioni

L’avvocato Gianluca Sposato nel 2022 è stato eletto migliore avvocato dell’anno nel diritto delle assicurazioni dalla più grande comunità legale internazionale per le sue capacità ed esperienza nel risarcimento di gravi incidenti e incidenti mortali.

“Gianluca Sposato – Studio Sposato Avvocati”
Esperto in riarcimento danni per gravi incdidenti, il professionista si distingue anche per la sua attività istituzionale . E’ considerato un faro nell’ambito di questa attività . ”

legalcommunity-italian-awards-2022-i-vincitori

 

Cosa è il diritto delle assicurazioni?

Il diritto delle assicurazioni rientra nell’ambito delle obbligazioni e ricomprende tutti i casi relativi all’esame e allo studio di contratti e polizze assicurative.

Il diritto delle assicurazioni è, dunque, quel ramo del diritto civile che, per quanto concerne la responsabilità civile in ambito contrattuale, riguarda i rapporti tra contraente assicurato ed assicuratore.

Cosa rientra nel diritto delle assicurazioni?

la rca responsabilità civile auto, obbligatoria per legge (che rimanda al codice delle assicurazioni private per una conoscenza più tecnica e specifica in tema di danni da circolazione stradale) e qualsiasi polizza assicurativa, sia in ambito domestico,  condominiale, che professionale, come polizza vita, polizza malattia, polizza infortunio, polizza fabbricato etc.

Caratteristica del contratto di assicurazione è il pagamento di un premio a fronte di un rischio assicurato, al verificarsi del quale l’assicuratore è  tenuto  ad adempiere,  a termini  di  polizza,  a meno di  particolari  esclusioni.

Di cosa si occupa l’avvocato esperto in diritto delle assicurazioni?

L’avvocato che si occupa di diritto assicurativo tutela il cliente assicurato che si è  visto rifiutare il pagamento del premio, o dell’indennizzo previsto a termini di polizza,  per  inadempimento da parte dell’assicurazione.

L’esame e lo studio del contratto di assicurazione permette di fornire risposta all’assicurato sulla operatività, o meno, delle garanzie per mancanza di clausole espresse applicabili, o franchigie ( limiti  entro i  quali  la polizza non opera ).

Sposatolaw dal 1949 specializzato in diritto delle assicurazioni

Sposatolaw è specializzato in responsabilità civile sia per inadempimento contrattuale ed extracontrattuale.

La nostra missione è tutelare il cliente che ha contratto una polizza assicurativa e deve tutelare i  suoi  diritti per il  rifiuto a pagare  da parte dell’assicurazione.

Lo Studio legale Sposato è stato fondato nel 1949 dall’Avvocato Francesco Sposato,

che ha fondato e diretto per circa un trentennio la rivista Circolazione e Trasporti ed è stato il capostipite dell’infortunistica stradale a Roma.

Avvocato Gianluca Sposato esperto in  diritto  assicurativo

L’Avvocato Gianluca Sposato ha iniziato la sua carriera nel 1997 come legale fiduciario della compagnia assicurativa Nuova Tirrena SpA per cause relative ad inadempimento contrattuale relative a polizza assicurativa ramo responsabilità civile automobilistica.

Per richiedere un parere in materia di diritto assicurativo, o affidare un incarico  all’Avvocato Gianluca Sposato, potete chiamare i numeri 06.3217639 o Legale24h 347.8743614

Per esporre casi specifici di contenzioso richiedere una assistenza online.

Categorie
acquisizione-e-cessioni-immobiliari

Costituzione e amministrazione di società

 

Assistenza legale all’impresa

Lo Studio Legale Sposato presta assistenza legale all’impresa sin dalla fase della costituzione attraverso l’individuazione della forma societaria più adatta in relazione all’attività ed alle finalità societarie,  con particolare riguardo alla regolamentazione dei rapporti tra i soci  ed i terzi, gestendo i rapporti  contrattuali e curando aspetti ed adempimenti fiscali.

Tutte le società di persone, cooperative e  società capitali che assistiamo beneficiano di assistenza contrattuale  personalizzata, redatta  per gestire i rapporti con  i clienti ed i fornitori, volta a  garantire l’adempimento delle obbligazioni  assunte ed a prevenire forme di contenzioso.

Gestione e tutela dell’impresa

Grazie alla nostra rete di professionisti, avvocati, commercialisti, notai, consulenti  aziendali, revisori fiscali  e contabili, siamo  in grado  di  fare fronte ad ogni esigenza societaria, sfruttando sovvenzioni,  contributi e agevolazioni  fiscali, ottimizzando sempre i costi e le strategie d’impresa finalizzate ai risultati.

Affidarsi  a Sposatolaw per  la gestione e tutela della propria impresa vuol dire fare una scelta responsabile e di  successo,  con una assistenza legale personalizzata h24 gestita da una rete di professionisti specializzati per settore.

Per avere maggiori informazioni sulla costituzione di una Società, richiedere una consulenza online.

 

Categorie
acquisizione-e-cessioni-immobiliari

Contenzioso e arbitrato societario

Prevenzione e gestione dei conflitti aziendali

La gestione del contenzioso societario richiede conoscenze giuridiche altamente tecniche nell’area del diritto processuale privato e civile. Avere fin dall’inizio mani sicure ed esperte è fondamentale per valutare correttamente le strategie da affrontare e le possibili soluzioni da seguire nella risoluzione dei conflitti tra azionisti, con particolare attenzione all’interpretazione delle regole contrattuali, alla risoluzione e alle clausole di inadempimento, esecuzione e risoluzione del contratto, che rappresentano le problematiche più frequenti.

Gestione personalizzata del cliente.

In Sposatolaw seguiamo il cliente scrupolosamente e in prima persona, partendo dal presupposto che per noi il cliente è una persona che merita attenzione e rispetto e non pratica di passare di mano in mano, garantendo impegno e professionalità.L’avvocato Gianluca Casado, Presidente supplente della XI Commissione Esame Avvocato di Stato nel 2019, con consolidata esperienza in diritto civile, diritto commerciale e diritto processuale civile, tutela gli interessi di società nazionali ed estere, anche nell’arbitrato societario ed ha discusso la tesi in diritto civile e diritto commerciale sul concorso di colpa tra responsabilità contrattuale ed extracontrattuale. Affidarsi a noi per la gestione del contenzioso aziendale rappresenta una scelta responsabile e sicura, come dimostrano gli innumerevoli casi risolti positivamente.

Se hai bisogno di un ausilio per il tuo caso specifico puoi usufruire dell’assistenza online.

Categorie
acquisizione-e-cessioni-immobiliari

Supporto in progetti di sviluppo immobiliare e finanziario

Lo  studio legale Sposato,  avvalendosi  di una rete di professionisti altamente qualificati  con competenze diversificate nei settori immobiliare e  finanziario, nonché di  rapporti  privilegiati  con istituti  di  credito  bancari, presta consulenza in merito  a tutte le questioni  di  diritto pubblico  e privato inerenti  operazioni di  sviluppo immobiliare  e finanziario,   in  ambito  nazionale e internazionale.

L’attività  viene svolta sia attraverso l’individuazione per conto  del  committente di immobili  di  pregio, terreni  edificabili, complessi industriali, o turistici, che non vengono pubblicizzati per il  rispetto  della privacy  del  cliente,  finalizzata alle gestione, o  all’acquisto; sia attraverso la prospettazione, grazie ai  propri partner,  delle migliori proposte di  finanziamento  ad erogazione dell’importo  concesso, redazione degli  accordi  e  contratti  che disciplinino e garantiscano il  buon  esito dell’operazione ed i rapporti  tra le parti.

Partner dello  studio  sono i migliori intermediari immobiliari indipendenti ed analisti  finanziari con  esperienza ultraventennale nel  settore.

Affidarsi  allo  studio  e non solo  ad una agenzia immobiliare significa oltre che garantire la propria privacy,  avere certezze e garanzie anche in  ordine alle questioni  giuridiche connesse all’acquisto di  beni  sia pubblici  che privati, oltre che risparmiare in termini  di  tempo  e denaro.

E’ disponibile una assistenza online per avere più informazioni sullo sviluppo immobiliare e finanziario.

Categorie
acquisizione-e-cessioni-immobiliari

Supporto in progetti di sviluppo immobiliare e finanziario

Lo  studio legale Sposato,  avvalendosi  di una rete di professionisti altamente qualificati  con competenze diversificate nei settori immobiliare e  finanziario, nonché di  rapporti  privilegiati  con istituti  di  credito  bancari, presta consulenza in merito  a tutte le questioni  di  diritto pubblico  e privato inerenti  operazioni di  sviluppo immobiliare  e finanziario,   in  ambito  nazionale e internazionale.

L’attività  viene svolta sia attraverso l’individuazione per conto  del  committente di immobili  di  pregio, terreni  edificabili, complessi industriali, o turistici, che non vengono pubblicizzati per il  rispetto  della privacy  del  cliente,  finalizzata alle gestione, o  all’acquisto; sia attraverso la prospettazione, grazie ai  propri partner,  delle migliori proposte di  finanziamento  ad erogazione dell’importo  concesso, redazione degli  accordi  e  contratti  che disciplinino e garantiscano il  buon  esito dell’operazione ed i rapporti  tra le parti.

Partner dello  studio  sono i migliori intermediari immobiliari indipendenti ed analisti  finanziari con  esperienza ultraventennale nel  settore.

Affidarsi  allo  studio  e non solo  ad una agenzia immobiliare significa oltre che garantire la propria privacy,  avere certezze e garanzie anche in  ordine alle questioni  giuridiche connesse all’acquisto di  beni  sia pubblici  che privati, oltre che risparmiare in termini  di  tempo  e denaro.

E’ disponibile una assistenza online per avere più informazioni sullo sviluppo immobiliare e finanziario.

Categorie
acquisizione-e-cessioni-immobiliari

Revoca della compravendita

La revoca della compravendita è una fattispecie che può  verificarsi  in  due situazioni previste dall’art.2901 del  codice civile:

– per gli atti a titolo gratuito:  quali ad esempio donazioni, fondi patrimoniali, vendite  indirette (ovvero senza il pagamento effettivo del prezzo),  se l’atto dispositivo è successivo al debito, il creditore non sarà tenuto a dimostrare la mala  fede di chi ha ricevuto l’immobile,  dovendo  fornire esclusivamente la prova che il debitore poteva conoscere il  pregiudizio provocato al creditore con l’atto a titolo gratuito; se la donazione è successiva alla contrazione del  debito,  il creditore dovrà provare anche  il “consilium fraudis”,  ovvero fornire la dimostrazione  che l’atto è stato intenzionalmente realizzato allo scopo di sottrarre l’immobile alle ragioni del futuro creditore.

– per gli atti a titolo oneroso: vendite o atti con corrispettivo economico,  il creditore, invece,  è  tenuto a dimostrare che l’acquirente  conosceva il pregiudizio  a lui arrecato, circostanza difficile da conoscere e dimostrare, la cui prova solitamente  è fornita attraverso indizi quali:  il prezzo irrisorio, il mancato pagamento dello stesso, il rapporto di parentela, o coniugio tra le parti.

Se hai bisogno di supporto giuridico in tema di revoca della compravendita, puoi prenotare un appuntamento con l’Avv. Gianluca Sposato esperto in diritto immobiliare al numero 06.3217639, o se preferisci è possibile richiedere una consulenza online

Categorie
acquisizione-e-cessioni-immobiliari

Procedimenti di convalida di sfratto

Sfratto per morosità

Lo  sfratto  per morosità  si rende l’unica strada percorribile per il  proprietario  di un immobile quando  l’inquilino ritarda più  di  20  giorni nel pagamento di solo un  canone di locazione, o  non paga la sua quota di  spese condominiali per un  ammontare di  due canoni  di  locazione e non vi sono garanzie a copertura di eventuali inadempienze contrattuali, quali ad esempio fideiussioni personali, o bancarie,  di  qui  l’importanza di  farsi  assistere nella redazione di un  contratto  di  affitto sempre da un bravo  avvocato. 

Procedura per convalida di  sfratto

Il locatore,  di  fronte all’inquilino moroso o  inadempiente,  dovrà rivolgersi  ad un  avvocato  e  ricorrere, ai  sensi  dell’articolo 658  del  codice di procedura civile, alla procedura speciale per convalida di sfratto, chiedendo un provvedimento esecutivo: l’ intimazione di convalida di sfratto per morosità, con cui il giudice dichiara che il contratto di affitto stipulato formalmente risolto, ordinando all’inquilino di lasciare l’appartamento immediatamente, oppure entro una certa data.

A questo punto non  dovrebbero  esservi  problemi  per il  rilascio  dell’immobile, tuttavia se l’inquilino si  dovesse rendere inadempiente e decidesse di non lasciare l’appartamento, bisognerà  ricorrere ancora al il giudice affinché intervenga nuovamente,  ordinando di liberare l’appartamento mediante la forza pubblica.

Spese per morosità dell’inquilino

Problema a parte si pone in ordine alle spese sostenute e quelle da recuperare per la morosità  dell’inquilino,  stante la scarsa garanzia e tutela normativa a favore dei proprietari  di  beni immobili  nel  nostro ordinamento  giuridico,  facile bersaglio  del  fisco  e mai sufficientemente tutelati di  fronte all’autorità  giudiziaria per l’affermazione dei  propri  diritti ove non  adeguatamente consigliati  ed assistiti.

Se hai bisogno di supporto giuridico in tema di procedimento di convalida di sfratto, puoi prenotare un appuntamento con l’Avv. Gianluca Sposato esperto in diritto immobiliare al numero 06.3217639, o se preferisci è possibile richiedere una consulenza online

Categorie
acquisizione-e-cessioni-immobiliari

Preliminare di compravendita

Il contratto preliminare di compravendita immobiliare è il contratto con il quale la parte promittente venditrice, proprietaria dell’immobile, si obbliga a vendere alla parte promittente acquirente, la proprietà dell’immobile oggetto  della compravendita al prezzo e secondo le modalità e i termini stabiliti nel contratto medesimo.  Il contratto  è nullo, come sancito  dall’art. 1351 del  cod. civ. se non è fatto  nella stessa forma del  contratto  definitivo e,  dunque in  forma scritta,   trasferendosi la proprietà solo in  una fase  successiva, con la stipula del rogito di  compravendita.  Di qui l’importanza di  rivolgersi  ad un Notaio sempre con l’assistenza di  un  avvocato,  considerate le diverse funzioni e l’opportunità di  trascrivere il preliminare di acquisto nei Pubblici Registri Immobiliari al fine di  evitare gli  effetti di eventuali pignoramenti successivi che precedano la stipula del  contratto  definitivo  di  compravendita.

Prima di stipulare il compromesso, è indispensabile verificare che il venditore sia l’effettivo proprietario dell’immobile, che questo sia in regola dal punto di vista edilizio e che abbia impianti conformi alle norme di sicurezza e agli eventuali vincoli urbanistici, culturali, ambientali e paesaggistici.

Noi  di  Sposatolaw raccomandiamo  sempre agli  acquirenti  che si  rivolgono  al nostro  studio legale per la stipula di un contratto preliminare di  compravendita e per l’assistenza legale in  sede di  rogito notarile  anche di consultare il regolamento condominiale onde evitare spiacevoli sorprese, come,  divieti di  destinazione delle unità abitative all’esercizio  di  determinate attività, o  spese da sostenere per lavori condominiali già approvati.